La grande bellezza

“L’unica cosa di cui abbiamo bisogno per diventare filosofi è la capacità di stupirci. Tutti i bambini ce l’hanno.  Eppure mano a mano che crescono, questa capacità di stupirsi sembra attenuarsi”.  Jostein Gaarder

I bambini sanno ancora chiedersi perchè.

Sanno stupirsi, provare meraviglia e sorpresa di fronte a una situazione nuova, straordinaria o inattesa.

Sanno domandare, indagare,  andare oltre, aprirsi al nuovo, sviluppare l’intelligenza.

“Non appena provo stupore, mi espando. Mi sento unito a qualcosa di grande. Sento che siamo tutt’uno e contemporaneamente, in confronto, mi sento piccolo. Piccolo solo perché provo stupore e finché quello stupore dura. Nello stupore mi fermo e resto immobile. Perché nello stupore mi tengo a distanza. Nello stupore che provo di fronte a una cosa meravigliosa semplicemente ci sono, sono semplicemente presente. Se apriamo gli occhi e tutti i nostri sensi per godere della Bellezza del creato che ovunque ci viene incontro, lo stupore non ha fine. Nello stupore diventiamo devoti, timorosi, attenti, amorevoli, grati. Tutt’uno con ciò che è vicino e ciò che è lontano.” Bert Hellinger

Stupore è una parola filosofica per eccellenza.

Il meravigliarsi, lo stupore, la sorpresa improvvisa, stimolano a porsi domande e alla ricerca di risposte.

« È proprio del filosofo questo che tu provi, di esser pieno di meraviglia;

né altro cominciamento ha il filosofare che questo » Platone

Stupore è rimanere aperti all’altro, al diverso e nuovo.

E’ importante mantenere lo stupore nel tempo con la predisposizione d’animo a presentarsi attenti, aperti e rilassati davanti agli incontri con cose, eventi, persone.

Se qualcosa ci sorprende è perché questo qualcosa è inatteso e nuovo, è diverso dall’aspettativa, non è noto e familiare, ma soprattutto perché ci sorprende col suo messaggio, con quello che ha da dirci.

“Infatti gli uomini hanno cominciato a filosofare, ora come in origine, a causa della meraviglia: mentre da principio restavano meravigliati di fronte alle difficoltà più semplici, in seguito, progredendo a poco a poco, giunsero a porsi problemi sempre maggiori: per esempio i problemi riguardanti i fenomeni della luna e quelli del sole e degli astri, o i problemi riguardanti la generazione dell’intero universo. Ora, chi prova un senso di dubbio e di meraviglia riconosce di non sapere; ed è per questo che anche colui che ama il mito è, in certo qual modo, filosofo: il mito, infatti, è costituito da un insieme di cose che destano meraviglia. Cosicché, se gli uomini hanno filosofato per liberarsi dall’ignoranza, è evidente che ricercarono il conoscere solo al fine di sapere e non per conseguire qualche utilità pratica.”  Aristotele

Wild Rose è il Fiore della voglia di vivere.

Il rimedio aiuta coloro che si sono rassegnati interiormente e si sentono apatici e indifferenti.

La descrizione del Dr Bach:
Per coloro che senza una ragione apparentemente sufficiente si rassegnano a tutto ciò che accade, e si accontentano di vivere la vita, prendendola come viene, senza fare nessuno sforzo per migliorare le cose o per trovare un po’ di gioia. Si sono arresi alla lotta della vita senza lamentarsi.

“Lo stupore è un forte e veloce scuotimento dell’attenzione verso un oggetto nuovo e inatteso, del quale l’anima dapprima non sa se è buono o cattivo, cioè di cui non conosce il comportamento con se stessa nel primo momento del suo apparire». Ernst Platner

“Io continuo a stupirmi. E’ la sola cosa che mi rende la vita degna di essere vissuta.” Oscar Wilde

“Da lassù ho sentito – Gli angeli che mi cantavano queste parole

E a volte nei tuoi occhi – Vedo la bellezza del mondo.”  Coldplay

La bellezza è fatta di piccole cose, la bellezza è nei particolari.

Decisivo è mantenere la capacità di stupirsi come bambini, quella che rende ogni tramonto e ogni notte di luna piena una magia irripetibile.

“E mentre ancora seguivo con lo sguardo le oche che volavano basse sull’acqua e scomparivano alla prossimità curva del fiume, fui improvvisamente colto da quel senso di meraviglia per le cose note e familiari che è all’origine della filosofia. Provai in me un profondo stupore per la possibilità di una tale dimestichezza con un uccello libero e selvatico, e la constatazione di questo fatto mi rese stranamente felice, come se con ciò si fosse potuto un poco riparare alla cacciata dall’Eden.” Konrad Lorenz

There are no comments.

Lascia un commento