Ricordati di essere felice

“Lascia andare le persone che solo condividono lamentele, problemi, storie disastrose, paura e giudizio sugli altri. Se qualcuno cerca un cestino per buttare la sua immondizia, fa sì che non sia la tua mente.”

Dalai Lama

La vita è troppo breve per passarla infelici, scontenti e arrabbiati e dipende solo da noi ciò come utilizziamo il tempo che ci è stato concesso.

Capita a volte che occupiamo invece il tempo lamentandoci, senza pensare che ogni giorno che passa è tempo prezioso che perdiamo.

Permettere alla tristezza e al risentimento di invadere il nostro animo significa dimenticare che siamo noi gli unici padroni del nostro presente e del nostro futuro.

 “L’uomo grande, quello che sa stare al di sopra degli errori umani non permette che gli si porti via neanche un minuto del tempo che gli appartiene, e proprio per questo la sua vita è lunghissima, perché è stata tutta a sua disposizione dal principio alla fine.”  

Seneca

La vita ci può colpire duramente, ma nonostante questo è in nostro potere scegliere se assumere il ruolo di vittima o quello di eroe della nostra vita.

Sentirsi vittima fornisce la scusa per  non doversi assumere la responsabilità del proprio destino e attribuire la colpa della propria situazione sempre agli altri o alle circostanze esterne.

“Le cose non cambiano, tu cambi il modo di guardarle, ecco tutto.”

Carlos Castaneda

Abbandonare l’atteggiamento da vittima è l’inizio della guarigione, per comprendere che esistono strade alternative e che nonostante le disgrazie, il dolore, le complicazioni, le sfide possiamo essere felici.

Per riuscirci è necessario fare un bilancio più obiettivo della situazione, senza proiettare all’esterno le nostre delusioni e la nostra rabbia,  e imparare ad assumerci le nostre responsabilità di fronte agli eventi.

“Non si può scegliere il modo di morire. O il giorno. Si può soltanto decidere come vivere. Ora.”

Joan Baez

Willow – Image courtesy of The Bach Centre

Willow scioglie il risentimento e restituisce la gioia di vivere.

La descrizione del Dr Bach:

“Per coloro che hanno sofferto per avversità o sfortuna e le trovano difficili da accettare senza lamentarsi o provare risentimento, perché giudicano troppo la vita in funzione del successo che essa arreca. Sentono di non aver meritato una prova tanto grande, la trovano ingiusta e ne sono amareggiati. Spesso arrivano ad interessarsi e ad occuparsi meno attivamente delle cose che prima facevano con piacere.”

“Se io potessi vivere un’altra volta, sarei meno serio di quanto sono stato. Correrei più rischi, farei più viaggi, guarderei più tramonti, salirei più montagne, nuoterei più fiumi, andrei in posti dove mai sono andato.” Alda Merini

“La felicità non dipende da quello che ci manca, ma dal buon uso che facciamo di quello che abbiamo.”

Thomas Hardy

“Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore.”

Italo Calvino

“Non voglio essere severo, lo prometto
Le arrabbiature e le fredde discussioni, 

Anche quando mi chiuderai fuori, lo prometto
Dirò le mie preghiere ogni notte, lo prometto
Non impazzirò più, lo prometto.”

Radiohead

“Quando sembra che il mondo sia impazzito

E non c’è niente che tu possa fare per rimediare.

Così, tu vuoi essere qualcuno.

Vuoi guadagnare qualcosa?”

Bastille

 

 

There are no comments.

Lascia un commento