I sussurri del corpo

“La malattia che sta per arrivare può essere curata e prevenuta nello stadio in cui le persone dicono: Non è abbastanza malato da rivolgersi ad un dottore”. Edward Bach

Viviamo in un’epoca di benessere e nonostante la vita media si sia allungata il nostro stile di vita molto spesso è profondamente contrario alla natura umana.

La malattia è il mezzo tramite il quale il corpo ci parla e ci obbliga a cambiare i nostri ritmi di vita.

Quando ci ammaliamo l’unica alternativa è curarci e prenderci cura non solo del fisico, ma anche dei nostri disturbi emotivi e psicologici.

“Mantenere il corpo in buona salute è un dovere, altrimenti non saremo capaci di mantenere la nostra mente forte e chiara.” Buddha

Lo stress e la fretta con cui viviamo ci disconnettono dai nostri veri bisogni, ma il corpo molto prima che la malattia faccia la sua comparsa ci invia segnali di allarme, sotto forma di sintomi, dolori, debolezza o anche semplicemente di malessere generale.

Il nostro corpo soffre per abitudini scorrette, eccessi, alimentazione inadeguata, posture errate e per l’alto livello di stress.

Questi segnali sono molto importanti, ma spesso vengono ignorati oppure non sappiamo interpretarli nella maniera corretta.

“Con mia grande felicità, ho scoperto che la malattia è un dono per riequilibrare il nostro essere. Il corpo fisico, infatti, non è la causa delle malattie: da solo è impotente. La vita che lo alimenta proviene dall’anima, dalla mente; e il corpo è semplicemente il riflesso di ciò che accade dentro di noi.  Un corpo malato, dunque, è un corpo che cerca di riequilibrarsi, giacché la salute ne è lo stato naturale. Questo vale anche per il corpo emozionale e per il corpo mentale”. Lise Bourbeau

Qualsiasi malattia progredisce nel tempo e riuscire a capire il messaggio dei sintomi ci aiuta a riprendere la via della salute e del benessere.

Quasi tutti i sintomi costringono a modificare il comportamento e impongono un cambiamento per riavere la salute.

Per comprendere il tema centrale della malattia ci può essere d’aiuto la domanda: “Che cosa mi impedisce di fare questo sintomo? A cosa mi costringe il sintomo?”.

Per esempio un’influenza ci impedisce di andare a un ricevimento e ci obbliga a rimanere a letto. Una frattura ci impedisce di fare sport e ci obbliga al riposo.

Il rifiuto e la resistenza trasformano il sintomo in un sintomo patologico, con la comprensione consapevole riusciremo a dare invece un senso alla crisi.

Impatiens è il fiore per le persone impazienti, che reagiscono con estrema tensione anche al minimo stimolo. Agiscono in fretta e provano un senso di frustrazione a contatto con ritmi di vita e di lavoro più lenti. Impatiens aiuta a rallentare il proprio ritmo, ad avere pazienza con gli altri, ad essere meno frettolosi nell’approccio con le cose e ad accettare il naturale fluire della vita.

La descrizione del Dr Bach:

“Per coloro che sono veloci nel pensiero e nell’azione e che desiderano che tutto sia fatto senza esitazione né ritardo. Quando sono malati hanno fretta di guarire al più presto. Per loro è molto difficile essere pazienti con le persone lente, perché ritengono che ciò sia sbagliato e una perdita di tempo e le sollecitano costantemente. Spesso preferiscono lavorare e pensare da soli, per poter fare le cose seguendo i propri ritmi.”

“La malattia è, nella sua vera essenza, il risultato di un conflitto fra Spirito e Mente, e perciò non può essere sconfitta se non con uno sforzo spirituale e mentale…. La malattia non è un errore né una punizione, ma solamente un correttivo, uno strumento di cui l’Io Superiore si serve per richiamare la nostra attenzione sui nostri errori, per metterci in guardia di fronte a errori maggiori e per riportarci sulla via della verità e della luce, dalla quale non avremmo mai dovuto allontanarci.” Edward Bach

“Noi sappiamo che la malattia è, nel corpo, l’estrema conseguenza di un lungo profondo agire di forze misteriose. Il successo della terapia materiale è solo apparente e il sollievo provvisorio, se non è stata rimossa la vera causa. Ogni sforzo indirizzato al corpo non può fare altro che riparare il danno in maniera superficiale. Perciò non lo cura, per il fatto che la causa è sempre operante e prima o poi rivela la sua presenza sotto altra forma.” Edward Bach

“Ciò che ci è noto come malattia è lo stato terminale di un disturbo molto più profondo.” Edward Bach

“Prima di guarire qualcuno, chiedigli se è disposto a rinunciare alle cose che lo hanno fatto ammalare.” Ippocrate

 

There are no comments.

Lascia un commento