Grazie!

“Nella vita tutto è energia. Non esiste nient’altro. E’ importante prendere consapevolezza di questo. L’energia ha una vibrazione che vibra a differenti frequenze. La frequenza della gratitudine è una delle più alte, con l’amore, la gioia, la compassione. Vibrando a questa frequenza per risonanza attireremo cose, situazioni, persone che vibrano alla medesima frequenza e quindi altri doni meravigliosi.” Ivan Nossa – Il potere e la magia della gratitudine

Nel Vangelo e nella Bibbia si parla molto severamente della mancanza di gratitudine, una delle qualità più negative che possiamo trovare in una persona.

“Essi sono dunque inescusabili, perchè pur avendo conosciuto Dio, non l’hanno glorificato ringraziandolo come Dio, anzi sono divenuti insensati nei loro ragionamenti e il loro cuore si è ottenebrato.” Lettera ai Romani 1,20-21

Per vivere nella gratitudine basta dire semplicemente Grazie! 

Significa diventare consapevoli delle cose che ci accadono e dei doni che riceviamo da qualcuno o dalla vita stessa. La gratitudine ci rende felici. Vivere esprimendo gratitudine significa trasformare la negatività in un’attitudine positiva verso la vita.

“Svegliandomi questa mattina ho visto il cielo blu. Ho unito le mie mani per ringraziare per tutte le meraviglie della vita; per avere altre 24 ore di fronte a me.”

Thich Nhat Hanh

 

Negli ultimi vent’anni sono stati condotti studi e numerosi esperimenti, in particolare l’equipe del dott. Robert A. Emmons, psicologo e ricercatore dell’Università Berkley in California. I ricercatori hanno trovato che le persone che esprimevano più frequentemente la gratitudine erano più felici, più sane, avevano più energia, erano meno stressate e ansiose.

L’allenamento alla gratitudine porta un maggiore benessere fisico ed effetti positivi sul sistema immunitario, sulla pressione sanguigna e sulla resistenza allo stress.

“Uno dei dieci lebbrosi, vedendosi guarito, torno indietro glorificando Dio. E si gettò con la faccia a terra ai piedi di Gesù, ringraziandolo. Gesù allora disse: Non sono stati guariti tutti e dieci? Non si è trovato nessuno che sia ritornato a ringraziare se non questo straniero? Ora tu vai, la tua fede ti ha salvato.”

Vangelo di Luca, 17, 15-19

Robert Emmons individua dieci azioni pratiche per essere grato e allenarsi quotidianamente alla gratitudine. Una di queste è quella di tenere un diario personale e scrivere ogni giorno qualcosa per cui ci sentiamo grati.

Una volta identificate nel diario le ragioni per cui essere grato, lo psicologo Charles Shelton raccomanda poi di vederle come un dono e diventare consapevoli delle sensazioni che questi doni fanno sentire.

“La gratitudine è l’anima della parola “grazie”. E si moltiplica ogni volta che sei capace di riconoscere, nella quotidianità, un regalo: il sorriso di un amico, una canzone, una pietanza appetitosa…

La gratitudine ti insegna a goderti di più la vita.  E’ la porta della felicità.  

Quando avevo dieci anni mia nonna mi regalò un “diario della gratitudine” e mi sussurrò: “Io ne ho uno uguale a questo. Ogni sera ci scrivo le cose per cui ho provato gratitudine. Poi lo metto sotto il cuscino e succede una cosa meravigliosa: il contenuto del diario entra nei miei sogni e diventa il regno della felicità… E quella felicità mi accompagna per tutto il giorno successive.” Emozionario – Autori Vari

Wild Rose è il Fiore della Voglia di Vivere.  Nello stato negativo ci si arrende anziché dedicarsi con gioia al proprio compito nella vita.

L’interesse nella vita si affievolisce e non resta altro che vegetare senza energie.

 

Chi assume il rimedio sente a poco a poco ritornare le forze della vita, ricomincia a vivere e ad accogliere con interesse tutti i piccoli e grandi doni che la vita può offrire.

There are no comments.

Lascia un commento