Nati per viaggiare

 

“Io viaggio non per andare da qualche parte, ma per andare. Viaggio per viaggiare. La gran cosa è muoversi, sentire più acutamente il prurito della nostra vita, scendere da questo letto di piume della civiltà e sentirsi sotto i piedi il granito del globo.”

Robert Louis Stevenson

Il viaggio non è un’attività razionale, è cibo per l’anima.

Viaggiare è registrato nel nostro inconscio, nel nostro DNA, perché  i nostri lontani antenati hanno vissuto come cacciatori-raccoglitori nomadi.

Questo tipo di vita era una necessità, ci si poteva unire ad altri gruppi per evitare conflitti oppure semplicemente per cambiare contesto sociale.

“Viaggiare è vivere.”

Hans Christian Andersen

Siamo una specie adattabile, che può sicuramente tollerare brevi periodi di sedentarietà forzata, ma purtroppo in questo ultimo anno i viaggiatori hanno vissuto con grande sofferenza, limitati fra quattro mura senza nemmeno la possibilità di fantasticare e di immaginare luoghi lontani.

 

Speranza e fiducia

sono qualità che risiedono nella natura del viaggio.

Il viaggio implica un pensiero positivo, perché ci vuole immaginazione e fiducia per salire su un aereo diretto verso una terra lontana. Il viaggio è una delle attività che intraprendiamo senza conoscerne l’esito e godendo dell’incertezza.

I viaggi sono qualcosa di essenziale, quanto i libri e gli abbracci. In questo momento storico siamo costretti alla sedentarietà, stretti tra il ricordo dei luoghi dove siamo stati e il desiderio di ricominciare a viaggiare.

“La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori.

Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma ciò che siamo.”

Fernando Pessoa

L’esperienza positiva del viaggio non è nella meta, ma nel percorso, nell’incontrare un nuovo modo di vedere le cose.

Viaggiare è una necessità, apre il cuore e la mente, migliora la capacità di immaginazione.

Proiettarsi nel futuro può essere fonte di gioia. Progettare un viaggio è altrettanto divertente quanto viaggiare e l’aspettativa del viaggio è già di per sé gratificante.

“Chi non si muove, non può rendersi conto delle proprie catene.”

Rosa Luxembourg

Molte persone dopo tanta sedentarietà si sentono demotivate e scoraggiate, sono affamate del nutrimento che è venuto a mancare in questo ultimo anno.

Non manca solo il poter viaggiare, ma soprattutto il non poter pensare ai viaggi, non sapere quando arriverà il momento in cui tutto sarà finito e sarà possibile  muoversi  in libertà.

Viaggiare per molti di noi era diventata una cosa scontata, un privilegio a cui eravamo abituati e siamo certi che dopo la lunga attesa potremo viverlo davvero come un grande dono.

“Tutto sommato, esistono solo due tipi di persone al mondo:

quelli che restano a casa e gli altri.”

Rudyard Kipling

Image courtesy of The Bach Centre

Gentian

Questo rimedio dona sostegno a coloro che si sentono scoraggiati, delusi, dubbiosi o sfiduciati. Gentian aiuta ad essere più positivi nel modo di vedere e più fiduciosi. E’ il rimedio per l’abbattimento conseguente a qualcosa che non va per il verso giusto.
Gentian aiuta la persona a vedere la propria strada attraverso le sfortunate circostanze e a capire che non esiste ostacolo troppo grande, né compito troppo gravoso che non possa essere affrontato con la convinzione di portarlo a termine.

Gentian – Copyright 2015 © Thebachflowers – Autore del progetto grafico: Alessandro Canu

Gentian

“Per coloro che si scoraggiano facilmente. Essi possono migliorare progressivamente nella malattia o nei loro affari della vita quotidiana, ma ogni minimo ritardo o contrattempo causa loro dubbi e presto li demoralizza.”

Edward Bach


 
“La vita è un viaggio e chi viaggia vive due volte.”

Umar Khayyām

“Una volta all’anno, vai in un posto dove non sei mai stato prima.”

Dalai Lama

“Non si viaggia per cambiare luogo, ma idea.”

Hippolyte Taine

“Il solo viaggio è quello interiore.”

Rainer Maria Rilke
 

Photo Credits: Unsplash

There are 2 comments.

  1. Viaggiatori viaggianti….

Lascia un commento

error: Copyright © thebachflowers